Napoli, Sarri afferma: “Ci sono segnali di crescita. Bisogna essere ottimisti”

0
703

L’allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport. Il tecnico partenopeo ha toccato diversi argomenti: dal rapporto con il presidente De Laurentiis, alla definitiva consacrazione di Lorenzo Insigne. Molte sono ste le questioni che quest’anno hanno interessato il tecnico partenopeo: in tanti ricorderanno alcune diatribe con il presidente del Napoli; nate dopo la sconfitta nel match di Champions League contro il Real Madrid; dichiarazioni che avevano seriamente rischiato di minare il rapporto tra i due.

Sarri: “Ci sono segnali di crescita, bisogna essere ottimisti per il futuro”.

Ecco, in sintesi, alcune affermazioni del tecnico del Napoli: “Ci sono segnali di crescita, bisogna essere fiduciosi per il futuro. Quello che abbiamo realizzato vale, ma quando comincia un nuovo campioanto si riparte da zero. Ad agosto dovrebbe esserci un ritorno delle due milanesi. Zielinski ha le stimmate del fuoriclasse; Rog ha qualità assolite che sta dimostrando dopo essersi adattato al nostro campionato. Milik è ancora un libro da scrivere. Insigne sta diventando un calciatore di livello europeo, anzi mondiale. Comincia ad essere inisivo”.

Sul ruolo di Reina il tecnico ha detto: “E’ importante. Lo è anche nel modo di pensare: è un uomo fedele, che sposa l’allenatore, e questo sentimento Pepe lo porta con sé nello spogliatoio”.

Chi preferisco tra De Laurentiis e i cinesi?

“E chi volete che scelga se non Aurelio, con lui ci litigo, ci faccio pace, poi ci rilitigo e ci ridiamo su”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here