Pavoletti segna ma non basta: il destino dell’attaccante è lontano da Napoli

0
511

Napoli-Bassa Anaunia: 17-0 per gli azzurri. Paradossale come il quindicesimo gol sia stato il primo segnato da un attaccante azzurro. Non un neo acquisto però, ma Leonardo Pavoletti. La prima rete da quando indossa la maglia partenopea è arrivata ieri in amichevole. Colpo di testa su assist di Giaccherini. Protagonisti entrambi in partita e pronti a dire addio al Napoli. Destino beffardo. Quando di mestiere fai l’attaccante e i gol non arrivano è difficile affermarsi. Se poi davanti a te nelle gerarchie oltre a Milik hai anche un certo Dries Mertens, allora sì che le cose si fanno complicate. Se inoltre ci aggiungi che il collega belga è stato autore di una delle sue migliori stagioni in termini realizzativi da quando è professionista, beh in quel caso sei destinato a scendere in campo soltanto per farlo rifiatare. Il destino ancora una volta. Dieci presenze e zero reti nei sei mesi in azzurro: pagato 18 milioni di euro e grande colpo del calciomercato Napoli invernale per la società partenopea. Aspettative tante, dimostrazioni poche. Il futuro potrebbe essere lontano da Napoli.

Calciomercato Napoli, Pavoletti ai saluti

Da protagonista in entrata a protagonista in uscita. Questa la probabile metamorfosi negativa di Pavoletti per il prossimo calciomercato Napoli. A quasi 29 anni l’attaccante ex Genoa si allena duramente con i compagni a Dimaro ed è pronto a iniziare un’altra esperienza, forse con una nuova maglia. Fiorentina e Benevento avevano chiesto informazioni al Napoli per Pavoletti, ma l’ingaggio oneroso dell’attaccante frena ogni pretendente. Più concreta la possibilità che il giocatore venga ceduto in prestito o utilizzato come pedina di scambio in un’eventuale futura trattativa. La società azzurra non vorrebbe infatti avere una minusvalenza dalla possibile cessione in questa sessione di trattative di Pavoletti. Se il Napoli non riuscirà a piazzarlo è possibile che l’ex Genoa resti in squadra e continui ad essere la terza scelta dopo Mertens e Milik. Il giocatore non ha però intenzione di trascorrere un altro anno relegato in panchina. Come per ogni attaccante che si rispetti il suo posto è in campo pronto a macinare reti. Destino da prima punta. Forse un po’ arrugginita dalle ultime stagioni sfortunate, anche a causa di alcuni problemi fisici. Il fiuto del gol però, quello non può arrugginirsi mai. Pavoletti lo sa bene e si allena duro per tornare ai livelli di un tempo. Capace di entrare nel cuore dei tifosi a suon di gol. Magari con una nuova maglia. Verso nuove sfide. Il destino farà il suo corso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here