Italia, Tavecchio dopo la disfatta: “Dispiaciuti e amareggiati. Domani ci riuniremo per decidere il futuro”

0
28
Carlo Tavecchio © Getty Images

L’Italia non farà parte del prossimo Mondiale. Gli azzurri, la prossima estate, non voleranno in Russia per disputare la più bella manifestazione intercontinentale. Decisivo per la nostra Nazionale il pareggio di San Siro per 0-0 contro la Svezia a seguito della sconfitta per 1-0 subita alla Friends Arena nella gara d’andata. Nonostante la disfatta, tra i migliori in campo degli azzurri c’è stato anche il centrocampista del Napoli Jorginho; che ha esordito con la maglia azzurra mettendo in campo una prestazione eccellente, ponendosi come uno dei pilastri per la rifondazione. Rifondazione che dovrà partire dai vertici del calcio italiano che dovranno rivoluzionare tutto il movimento calcistico del nostro paese. Il presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha rotto il silenzio dopo il catastrofico avvenimento, analizzando la mancata qualificazione e le decisioni future.

Italia, Tavecchio rompe il silenzio

Ai microfoni dell’Ansa, mentre è in partenza da Milano verso Roma, Tavecchio ha dichiarato: “Siamo profondamente amareggiati e delusi per la mancata qualificazione al Mondiale, è un insuccesso sportivo che necessita di una soluzione condivisa e per questo ho convocato domani una riunione con le componenti federali per fare un’analisi approfondita e decidere le scelte future”.
Il presidente della FIGC ha rilasciato alcune dichiarazioni anche a “La Gazzetta dello Sport”: “Mi prendo 48 ore di tempo per riflettere. In tanti si auguravano che non andassimo al Mondiale”. 
Le decisioni sono quindi tutte rimandate alla giornata di domani quando, forse, il calcio italiano ripartirà risorgendo dalle ceneri di una disfatta clamorosa. L’ora zero è giunta, adesso i vertici del nostro paese non possono tirarsi indietro dal rivoluzionare e migliorare tutto il sistema calcistico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here