CHI E’ YOUNES – Non un vice-Callejon ma un vice-Insigne: arriva il tedesco tutto dribbling

0
446
Younes Napoli
Amin Younes © Getty Images

 

E così il Napoli ha deciso di sbrogliare l’impasse di mercato con una mossa risolutiva. Cinque milioni all’Ajax ed ecco da subito Amin Younes, che a giugno sarebbe arrivato comunque a zero. Accordo col calciatore per un quinquennale a 1,5 milioni a stagione. Sarri avrà quindi il suo esterno offensivo, ma non esattamente un vice-Callejon, come aveva chiesto. Tedesco, ma di origini libanesi, Younes è nato a Düsseldorf il 6 agosto 1993 ed è Nazionale tedesco. Con lui la selezione di Joachim Loew ha vinto l’ultima Confederation Cup. Younes, in gran condizione, ha segnato anche un bel gol in semifinale. Protagonista assoluto anche nell’ultima Europa League, dove con l’Ajax è arrivato fino alla finale, quest’anno invece ha avuto qualche problema anche in virtù dell’esplosione di Justin Kluivert e del brasiliano Neres. Non era più inamovibile, anche per questo l’idea di cambiare aria e giocarsi tutto in una piazza dove le aspettative saranno sicuramente più alte, ma dove si può fare davvero la differenza.

Calciomercato Napoli, ecco Younes: dribbling e assist d’oro

Se l’allenatore azzurro si aspettava un esterno bravo a fare tutta la fascia per dare il cambio a Callejon dovrà aspettare ancora. Younes è un calciatore differente: brevilineo, piede destro, rapidissimo e dal dribbling bruciante, il 24enne tedesco tende a puntare l’uomo per poi accentrarsi ed andare a concludere. Ma generalmente preferisce assistere il compagno al centro o scaricare per chi arriva a rimorchio, come faceva all’Ajax con Klaassen lo scorso anno e come potrebbe fare con Hamsik a Napoli. Difficile che trovi spazio in una posizione che sia diversa da quella di esterno sinistro offensivo. In carriera ha giocato anche a destra, ma è improbabile trovare un assetto con lui, Mertens e Insigne. Anche perché Amin non è esattamente un maniaco della fase difensiva: a questo penserà sicuramente mister Sarri. Younes è ancora giovane, a Napoli può imparare tanto e guadagnarsi il Mondiale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here