“Era più forte”: Napoli, Kvaratskhelia stavolta è arrivato secondo

Khvicha Kvaratskhelia stavolta non ha vinto il confronto con il suo ‘rivale’: il giocatore del Napoli è arrivato secondo

Khvicha Kvaratskhelia si è affermato come uno dei migliori giocatori della Serie A e come l’astro nascente del Napoli. Arrivato solo per dieci milioni di euro dalla Dinamo Batumi per sostituire Lorenzo Insigne, l’attaccante georgiano ha stupito tutti i tifosi partenopei a suon di gol e assist, in Italia e in Europa. Questo non ha fatto altro che alimentare voci su paragoni del passato che indubbiamente non fanno bene a Kvara.

Kvaratskhelia Kaka
Kvaratskhelia (LaPresse)

Chi lo conosce bene sa che si concentra solo sul lavoro per migliorare la squadra e migliorare se stesso. Kvaratskhelia è stato paragonato anche a Kakà, ex campione del Milan tra l’altro vincitore anche del Pallone d’Oro. E di questo ha parlato Julio Cesar, ex portiere che ha condiviso con Kakà la maglia della Nazionale brasiliana.

Kvaratskhelia Kaka
Kakà (LaPresse)

Julio Cesar e la sentenza sul paragone Kvaratskhelia-Kakà

Julio Cesar, ex portiere, ha parlato nel corso di ‘Radio Goal’, trasmissione su Radio Kiss Kiss Napoli: “I paragoni non mi piacciono, ma Kakà era più forte. Nel Napoli però ci sono tutti gli ingredienti per vincere il campionato. Mi piacciono il club, la squadra e i tifosi”. Poi su Meret: “Se in Nazionale Mancini, che ha cambiato la mia vita, ti fa giocare vuol dire che sei bravo”.

Insomma, stavolta Kvaratskhelia ha perso un confronto, almeno secondo il parere di Julio Cesar. E’ sempre complicato fare paragoni con giocatori del passato, soprattutto quelli che hanno scritto la storia del calcio italiano ed europeo. Tuttavia, Kvara ha tutte le carte in regola per scrivere la sua storia, e in un certo senso la sta già scrivendo. E a gennaio tornerà più agguerrito di prima dopo un brutto infortunio alla schiena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.