Napoli, pronti 110 milioni per il top: telefonata a De Laurentiis

Il Napoli rischia di perdere uno dei suoi uomini migliori. Il top club europeo ha chiamato De Laurentiis, ma il patron chiede 100 milioni.

Il Napoli di Aurelio De Laurentiis è pronto a ripartire. Il prossimo anno sarà vera e propria rivoluzione visti gli addii di Lorenzo Insigne, che ha già iniziato l’avventura al Toronto FC In Major League Soccer, ed il rinnovo di Dries Mertens che resta ancora bloccato. Oltre a loro due, un altro attaccante che potrebbe salutare nelle prossime settimane è Andrea Petagna, corteggiatissimo dal Monza dei Berlusconi e di Galliani.

Napoli, De Laurentiis gesticola
De Laurentiis (ANSA)

I tre appena citati, però, non sono gli unici che hanno salutato e che potrebbero salutare Napoli. Anche il futuro di Victor Osimhen resta un’incognita. La SSC Napoli non ha alcuna intenzione di privarsi del suo uomo migliore, ma il pressing dei top club resta asfissiante. Sulle sue tracce c’è da tempo il Manchester United, ma anche il ricco Newcastle ed il Bayern Monaco l’hanno messo nel mirino.

Napoli, Osimhen in azione
Osimhen (ANSA)

Calciomercato Napoli, il Bayern Monaco insiste per Osimhen

Proprio il club di Bundesliga l’avrebbe individuato come erede di Robert Lewandowski, oramai ai saluti. Visto che i tedeschi perderanno il proprio centravanti questa estate con ogni probabilità, Osimhen rappresenterebbe il profilo ideale per sostituirlo.

Come riferisce l’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport’, il Bayern Monaco è alla caccia di un sostituto adeguato a Lewandowski. Il centravanti polacco è ai saluti ed Osimhen rappresenterebbe l’attaccante ideale per raccogliere la sua eredità. I tedeschi sembrano fare sul serio, tanto che qualche settimana fa ci sarebbe stata anche una telefonata esplorativa indirizzata al presidente Aurelio De Laurentiis direttamente da Monaco di Baviera.

Il Napoli, però, non vacilla e continua a chiedere 110 milioni di euro per il cartellino del nigeriano. Nessuno sconto, perché Osimhen rappresenta, senza dubbio, il presente ed il futuro del club partenopeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.