“Una grandissima vergogna”: Napoli, l’attaccante non le manda a dire

Le parole del calciatore del Napoli sono eloquenti: “E’ una grandissima vergogna”, l’episodio ha colpito in negativo l’azzurro

Quella fra Fiorentina e Napoli è stata certamente una bella partita, nonostante il risultato senza reti. La squadra di Spalletti è stata quella che è andata più vicino alla vittoria. Ancora tutti abbiamo negli occhi l’errore di Lozano che è pesato tantissimo sull’economia del match. Ma ormai la partita è alle spalle, gli azzurri tornano di nuovo in campo per la quarta giornata di campionato nel turno infrasettimanale.

Fiorentina Napoli
Fiorentina-Napoli (LaPresse)

Ma si è parlato molto di FiorentinaNapoli in questi giorni non solo purtroppo per questioni di calcio. Hanno fatto il giro del web in pochissimo tempo le immagini nell’immediato post-partita, con un tifoso della viola che, dopo aver insultato Spalletti nel retro panchina per tutto il match, ha provato a dargli uno schiaffo quando l’allenatore è andato a richiamarlo da vicino. Ci sono stati anche insulti razzisti a Osimhen e poi l’altro vergognoso episodio: l’immagine di un bambino costretto a tenere la maglia del Napoli al contrario per evitare problemi con i tifosi della Fiorentina.

Napoli, attacco diretto di Politano: “Ho visto cosa è successo, è stato brutto”

politano
Politano (LaPresse)

Matteo Politano, intervistato da Radio Kiss Kiss, ha parlato proprio di questo episodio: “Ho visto il fatto di quella bambina, è stato brutto. Finché succede a noi giocatori o allenatori non è un problema perché siamo abituati, ma quello che è successo sugli spalti è una grandissima vergogna”. Niente da aggiungere alle parole del calciatore, che è stato chiarissimo. Inoltre Serie A News ha intervistato il papà di quel bambino e ha potuto raccontare cosa è successo: “Gli steward hanno obbligato Antonio a togliere la maglietta. Non ne avevamo altre, così l’ha dovuta indossare al contrario. Almeno ha funzionato: ci hanno lasciato in pace“. Una vergogna senza fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.