Napoli-Liverpool, il gesto di Kvaratskhelia che nessuno ha visto

Napoli-Liverpool, tifosi sbalorditi dopo il gesto di Kvaratskhelia. In tantissimi non l’anno notato: cosa è accaduto al Maradona.

Napoli-Liverpool è, con ogni probabilità, un match che oltre a restare negli almanacchi del calcio, resterà vivido nella mente dei tifosi. Il 4-1 rifilato ieri sera alla formazione di Jurgen Klopp ha mandato in estasi la tifoseria e ha fatto impazzire di gioia anche mister Luciano Spalletti. Il tecnico del Napoli, inoltre, si è ripreso la sua personale rivincita proprio contro Klopp che, ai tempi dello Zenit, gli rifilò una sonora sconfitta che costò l’esonero e l’addio alla panchina del club russo.

Napoli-Liverpool, l'esultanza di Kvaratskhelia
Kvaratskhelia (Screenshot tratto dalle storie Instagram di Georgia National Team)

Il tempo è galantuomo e la gara di ieri l’ha dimostrato. Spalletti vince il confronto con gli inglesi ed è pronto a ripartire dopo i due pareggi in campionato contro Fiorentina e Lecce. Le mancate vittorie contro i viola ed i salentini sembravano preoccupare, ma dopo il tweet di Aurelio De Laurentiis nel post gara non c’è più alcun pericolo.

Kvaratskhelia in azione
Kvaratskhelia (LaPresse)

Napoli-Liverpool, l’esultanza di Kvaratskhelia

Spalletti resta a Napoli e Napoli è pronto a goderselo a pieno. Una voglia straripante da parte della tifoseria di stare accanto ai propri beniamini e di sostenerli sugli spalti del Maradona ed anche in trasferta. Nonostante gli addii dei senatori durante l’estate, Napoli ha già trovato i suoi beniamini, con Kvaratskhelia uomo immagini ed idolo della folla. Anche ieri l’attaccante georgiano si è rivelato fondamentale nei tatticismi di Spalletti ed è stato anche uomo assist.

In occasione del gol del 3-0, il giocatore si è lasciato andare ad una esultanza particolare che nessuno sembrava aver notato. Dopo aver fatto fuori Van Dijk e confezionato l’assist vincente per la prima rete in Champions League di Giovanni Simeone, Kvaratskhelia ha esultato portando prima le mani alle orecchie e poi portando il dito sulla bocca, come a zittire qualcuno. Un gesto che, in ogni caso, non sembra essere polemico. I più attenti, infatti, avranno sicuramente notato che non è la prima volta che il giocatore esulta in questo modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.