Dopo la Juventus, anche il Milan: è polemica per l’arbitraggio

Scoppia la polemica anche per la vittoria del Milan contro la Fiorentina, così come è successo qualche giorno fa per la Juventus

Non si poteva non chiudere la prima parte di questo campionato senza qualche altra polemica relativa agli arbitraggi. E’ successo la scorsa giornata quando la Juventus ha battuto il Verona, dove la squadra scaligera si è vista negare un rigore netto per il tocco di mano di Danilo. E oggi la protagonista è stata il Milan, che ha vinto contro la Fiorentina per 2-1 grazie a un autogol negli ultimi minuti di partita.

Milan Fiorentina rigore Tomori
Pioli, polemiche per l’arbitraggio di Sozza (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

Ciò che ha scatenato le polemiche, sui social e non solo, è stato l’intervento di Tomori su Ikone in scivolata. Il difensore inglese, si vede nelle immagini, interviene in scivolata colpendo prima la gamba dell’attaccante della Fiorentina e poi il pallone. Tuttavia, Sozza ha deciso di non assegnare il calcio di rigore e anche il VAR non è intervenuto.

Milan Fiorentina rigore Tomori
Tomori, polemiche per il rigore non assegnato da Sozza (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

Milan-Fiorentina, era rigore su Ikone

Il giornalista Mauirizio Pistocchi su Twitter ha detto la sua sul contatto tra Tomori e Ikone: “Fallo e rigore non concesso alla Fiorentina”. Anche il giornalista Alessandro Cavasinni ha fatto lo stesso: “Inconcepibile non dare rigore per chi è davanti al monitor VAR, prende nettamente prima la gamba”. Insomma, si percepisce un malumore generale per gli arbitraggi di questo tipo che, inevitabilmente, falsano il campionato. Il rigore per la Fiorentina avrebbe cambiato la storia della partita.

In più, sono sorte delle polemiche per il gol del Milan nel finale, sia per un fallo a inizio azione su Duncan, sia per la carica su Terracciano da parte di Rebic. Secondo Sozza, però, è stato tutto regolare e il Milan con questi tre punti si è piazzato al secondo posto in attesa di Juve-Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.