FIGC, l’ufficialità della Procura sull’inchiesta Juventus: il Napoli viene escluso

La FIGC diffonde un annuncio in merito all’indagine plusvalenze da parte della Procura. La Juventus è coinvolta, mentre il Napoli non viene preso in considerazione.

L’inchiesta relativa alle plusvalenze nel merito del calciomercato è destinata a diventare una bolla di sapone sempre più grande e resistente al vento che cerca di farla scoppiare. Ormai la Giustizia ha cominciato a fare il proprio corso. La sensazione è che non lascerà nulla al caso, nel tentativo deciso di “ripulire” il calcio nella maniera più profonda e usando ogni strumento necessario.

Gravina pensieroso
La FIGC comunica la decisione della Procura Federale sull’inchiesta plusvalenze (LaPresse)
ultimecalcionapoli

La FIGC a tal proposito ha diffuso una comunicazione. Il Procuratore Federale, infatti, dopo aver esaminato i vari documenti e atti istruttori dell’indagine penale “Prisma”, i quali sono stati inviati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino, ha preso una decisione. Si tratta, seguendo il Codice di Giustizia Sportiva vigente alla FIGC, del ricorso per la revocazione parziale della decisione presa dalla Corte Federale di Appello lo scorso maggio nei confronti di Juventus, Sampdoria, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Novara e Pescara.

Ovvero, sarà revisionata la posizione della Corte Federale rispetto ai suddetti club e ai loro 52 dirigenti coinvolti. Ne sarà richiesta la condanna secondo “sanzioni che verranno rispettivamente richieste nel corso dell’udienza di discussione del ricorso”, il quale avverrà dinanzi alla Corte stessa.

Logo FIGC
Inchiesta Prisma sulle plusvalenze: l’annuncio della FIGC (LaPresse)
ultimecalcionapoli

Inchiesta Plusvalenze, la Procura della FIGC richiede la revocazione della sentenza

Nel medesimo comunicato si fa sapere che la Procura Federale si è già attivata nel merito di un altro procedimento disciplinare sportivo, dopo aver acquisito gli atti del procedimento penale già realizzato dall’Autorità Giudiziaria di Torino. Ci sarà un’indagine ulteriore nei riguardi della Juventus e di altre società professionistiche. Ciò “per ulteriori e nuove condotte disciplinarmente rilevanti rispetto a quelle per le quali ha già esercitato l’azione disciplinare. Dinanzi agli Organi di Giustizia Sportiva nell’ambito dell’indagine ‘plusvalenze’ della stagione sportiva 2021-2022”.

Ciò sembra riportare tutto in bilico e soprattutto favorire una nuova analisi dei fatti e della condotta. Ci sono vari buchi neri che necessitano di risposte e chiarimenti. La sensazione è che il 2023 possa essere caratterizzato da una movimentata seconda parte di stagione in Tribunale, mentre in campo si cercherà di badare soltanto alle vicende sportive.