“Nessuna credibilità…”: Napoli-Koulibaly, arriva la sentenza in diretta

Il Napoli e la questione Koulibaly: il futuro del senegalese preoccupa gli azzurri. Arriva la sentenza in diretta che accende le riflessioni sull’ex Genk.

Koulibaly sì, Koulibaly no: è questa la margherita che il Napoli e i suoi tifosi stanno sfogliando nelle ultime settimane. Il contratto del senegalese è in scadenza il 30 giugno del 2023 e l’accordo per il rinnovo con gli azzurri appare ancora lontanissimo.

Koulibaly in campo
Koulibaly (LaPresse)

Ragion per cui, attenzione alla concorrenza. I top club europei si sono già interessati al futuro di Koulibaly e anche la Juventus ha iniziato a fare sul serio per il futuro capitano del Napoli. I bianconeri hanno incontrato ieri l’entourage del calciatore, venendo allo scoperto ufficialmente.

Un segnale importante, dunque, quello che è arrivato dal mercato e che rimette il pallino nelle mani della dirigenza partenopea. Almeno fino ad un certo punto: senza un rinnovo all’altezza, il futuro di Koulibaly si appresta ad essere lontano da Napoli. Da quest’estate o dalla prossima.

De Laurentiis in tribuna
De Laurentiis (LaPresse)

Napoli-Koulibaly, arriva la sentenza in diretta: “Nessuna credibilità…”

A commentare il futuro di Kalidou Koulibaly è intervenuto anche l’agente Gaetano Fedele, in onda sulle frequenze di Radio Marte: “Il Napoli sta attraversando una grossa rivoluzione, c’è difficoltà nel capire chi sarà o meno il capitano della prossima stagione”. Capitano che dovrebbe corrispondere al nome e cognome del difensore senegalese, se non fosse per la spada di Damocle del rinnovo contrattuale.

“Lo abbiamo visto con Insigne e quest’anno rischia di ripetersi. Il Napoli deve dare continuità, far capire anche ai nuovi arrivi come funziona. Un capitano a scadenza rischia di non avere nessuna credibilità”. Una sentenza dura e amara, quella di Gaetano Fedele, che però tratteggia e restituisce la complessa situazione che lo spogliatoio di Luciano Spalletti sta attraversando. Una situazione dalla quale in primis il tecnico toscano spera presto di uscire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.