De Laurentiis vende il Napoli? La rivelazione del presidente spiazza i tifosi

Il Napoli si prepara a salutare la lunga gestione targata Aurelio De Laurentiis? Arriva l’annuncio che spiazza i tifosi azzurri, direttamente dal presidente

A Napoli dalla travagliata estate del 2004, la gestione De Laurentiis ha riportato gli azzurri tra i piani altissimi della Serie A e non solo. Anche in Europa, ormai, la formazione partenopea è diventata una piazza prestigiosa e abituata ai grandi palcoscenici.

De Laurentiis applaude Insigne
De Laurentiis (LaPresse)

Eppure, la gestione De Laurentiis non è sempre stata accolta con favore da una parte del tifo napoletano. Anzi, diverse frange del supporting azzurro ha spesso manifestato la propria insofferenza per l’imprenditore romano, invitandolo più volte a imboccare l’autostrada A16, in direzione Bari.

Lo stesso Bari che la famiglia De Laurentiis gestisce nella persona di Luigi De Laurentiis e che, adesso, rischia di subire un capovolgimento improvviso visto le ferree regole anti multiproprietà.

Luigi e Aurelio De Laurentiis in conferenza
Luigi e Aurelio De Laurentiis (LaPresse)

Napoli, De Laurentiis vende? La rivelazione del figlio Luigi spiazza i tifosi

Capovolgimento che, però, potrebbe arrivare anche dal lato Napoli. Una delle due società andrà ceduta e negli ultimi periodi è partita la speculazione dei tifosi e dei media su quale scelta adotterà la famiglia De Laurentiis. Soprattutto adesso che il progetto Bari è approdato in Serie B e mira con ambizione al massimo campionato.

“Cosa succederà se il Bari dovesse essere promosso in Serie A?“, questa è la domanda volutamente provocatoria condotta da ‘Tuttosport’ nel corso di una lunga intervista al presidente dei pugliesi, Luigi De Laurentiis. Una domanda alla quale LDL risponde con un sorriso e una battuta: “Beh, venderemo il Napoli…“.

Una rivelazione che in parte sorprende e spiazza i tifosi azzurri, anche se poi De Laurentiis Jr. spiega e analizza: “Sono preoccupato, è chiaro. Per me si tratta di un pensiero continuo e l’idea di dover cedere la società mi infastidisce. Quattro anni fa abbiamo fatto un grande lavoro, con questa norma che non esisteva. Adesso è stata cambiata in corso d’opera, ma ai tifosi dico di stare tranquilli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.