Calciomercato Napoli, il portiere non arriva più: è ufficiale

Il portiere ha cambiato squadra, ma non per andare al Napoli. È giunta la notizia dell’ufficialità, tramite l’annuncio fatto dal club sui propri profili social.

Con la situazione di Alex Meret ancora molto precaria, il Napoli ha cercato delle soluzioni in quanto all’estremo difensore. Numericamente agli azzurri manca un secondo di Meret, ma è possibile anche che il portiere vada in prestito altrove o che non sia considerato come il titolare. Le prospettive sono ancora da chiarire, ma una prima certezza è arrivata: il Napoli non potrà contare su Neto.

Spalletti arrabbiato
Luciano Spalletti, Napoli (LaPresse)

Il brasiliano è stato annunciato come nuovo rinforzo del Bournemouth. Quest’oggi la società di Premier League ha annunciato di aver prelevato il tesserato dal Barcellona e arriva a costo zero, dopo essersi svincolato dai blaugrana, firmando un contratto di un solo anno con le ‘Cherries’.

Neill Blake, amministratore delegato degli inglesi, ha commentato subito l’affare, appena ufficiale: “Attirare un giocatore del suo calibro è molto piacevole, è un vero colpo di stato per il club. Siamo lieti che si sia unito a noi. Ha una vasta esperienza ai massimi livelli del gioco, quindi sono sicuro che sarà una grande risorsa per noi”.

Neto tra i pali
Neto, Barcellona (LaPresse)

Napoli, niente Neto: è passato in Premier League. E ora?

Appena una settimana fa il 33enne sembrava un candidato per la porta del Napoli, al punto che si parlava di affare in dirittura d’arrivo. D’altronde, al brasiliano avrebbe fatto piacere tornare in Serie A e disputare la Champions League. Dal canto del Napoli sarebbe stato una garanzia in termini di esperienza e il Barcellona, infine, aveva fretta di liberarsi di un ingaggio importante.

Il Bournemouth è stato più celere e convincente, e adesso nella lista di Giuntoli restano Keylor Navas, che potrebbe lasciare il PSG, e Kepa Arrizabalaga del Chelsea. Il secondo sembra più raggiungibile in prestito, ma sarebbe necessaria la partecipazione economica dei Blues alla quasi totalità dell’ingaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.