Il Napoli vince, ma l’episodio gela tutti: è successo dopo i Rangers

Napoli, la vittoria a Glasgow è dolcissima, ma occhio all’episodio che gela tutti: succede dopo il triplice fischio contro i Rangers.

Tre a zero netto e meritato. Il Napoli vola in cima al girone di Champions League e lo fa a punteggio pieno, con sette gol realizzati e uno solo subìto. Un ruolino di marcia clamoroso per gli uomini di Spalletti, reali protagonisti per l’Italia in questa turnata di coppe europee.

Spalletti in panchina
Spalletti (LaPresse)

“Faccio i miei complimenti ai ragazzi, hanno giocato una partita fantastica”: parola di Luciano Spalletti, che ai microfoni di Mediaset ha fatto il punto della vittoria riportata dai suoi in terra scozzese. “C’era da aver timore dell’inizio feroce che potevano avere all’inizio. E invece siamo stati bravi a reggere il loro urto, abbiamo giocato da squadra. Non abbiamo mai perso di vista dove volevamo portare la gara.

Politano salta
Politano (LaPresse)

Napoli, lo sfogo di Spalletti è durissimo: succede dopo i Rangers

Di qui, però, l’analisi di Luciano Spalletti si fa più feroce e serrata. Anche perché il tecnico del Napoli viene stuzzicato dalla domanda di Beppe Incocciati, presente in studio per il post gara a Mediaset. L’ex bomber azzurro pizzica il trainer di Certaldo in riferimento ai problemi avuti nel corso della passata stagione (in particolare nel finale), che di lì è poi scattato in uno sfogo.

“Scusate, ma quali problemi? Che problemi abbiamo avuto lo scorso anno? – tuona Spalletti – Si è perso un paio di gare, ma il grande campionato che abbiamo fatto resta”. Addirittura, il tecnico del Napoli si fa polemico: “E allora perché questa squadra non ha vinto il campionato con Ancelotti due anni prima? Con la stessa squadra, tutti i calciatori nuovi e con il più bravo di tutti? Lo scorso anno siamo arrivati 19 punti davanti alla Roma, 18 davanti alla Lazio, 9 davanti alla Roma lo volete far passare come un campionato normale?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.