“È il più forte d’Italia”: Napoli, l’inaspettata rivelazione spiazza i tifosi

Milan-Napoli, il doppio ex esce allo scoperto durante un’intervista al Corriere del Mezzogiorno. La rivelazione lascia i tifosi senza parole.

Quando si parla di Milan-Napoli non si può fare a meno che pensare alle tante vecchie glorie che hanno indossato le casacche degli azzurri e dei rossoneri. Facendo un balzo indietro nel tempo fino agli anni ’80 e ’90, i più esperti amanti del calcio ricorderanno senza dubbio Giovanni Galli, ex portiere che ha indossato proprio le maglie di Milan e Napoli.

Napoli, gli azzurri esultano con Meret
Meret e compagni (LaPresse)

Campione del Mondo nel 1982, oggi politico e dirigente sportivo, l’ex portiere Giovanni Galli è stato raggiunto dal ‘Corriere del Mezzogiorno’ per analizzare il match di San Siro. Di seguito uno stralcio delle sue dichiarazioni: “Il Napoli ha operato molto bene sul mercato. Secondo me si è rinforzato perché ha preso tutti elementi funzionali. La società ha ignorato le critiche e credo che gli azzurri di mister Luciano Spalletti siano candidati per lo scudetto”.

Meret in campo
Meret (LaPresse)

Milan-Napoli, intervista al doppio ex Giovanni Galli

E continua: “Devo ammettere che non conoscevo molto bene Kvaratskhelia, l’avevo solo visto un paio di volte con la Nazionale. Kvara è senza dubbio un grande colpo, è uno che ha entusiasmo e voglia di spaccare le partita. Uno come lui, con le sue qualità, può solo migliorare. Raspadori per sostituire Mertens? Jack è il prototipo del calciatore moderno, sa giocare ovunque. Già al Sassuolo aveva dimostrato la sua bravura. A Napoli può definitivamente esplodere”.

Chiosa finale su Alex Meret, portiere della SSC Napoli, al centro di numerose voci di mercato durante il mercato estivo: “Alex è il più forte d’Italia sotto il punto di vista della tecnica. A lui è solo mancata un po’ di ‘cazzimma’, cosa che per un portiere è fondamentale. Adesso, però, visto che è titolare, è più libero mentalmente. Poi alle sue spalle c’è Sirigu che può solamente aiutarlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.