Napoli al settimo cielo, la sentenza manda in delirio De Laurentiis

Napoli, la notizia e la sentenza mandano in delirio De Laurentiis e i tifosi azzurri. Succede tutto durante la sosta. 

Continua il momento magico del Napoli, anche quando il campionato si ferma per la sosta per le Nazionali. E’ proprio da quest’ultime, però, che arrivano buone notizie su buone notizie per gli azzurri di Luciano Spalletti. In particolare in vista della ripresa contro il temibile Torino di Ivan Juric.

De Laurentiis sorride
De Laurentiis sorride per la splendida notizia che arriva dalla sosta per le Nazionali (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Già perché non è solo Kvicha Kvaratskelia ad illuminare con la sua Georgia, ma è anche e soprattutto Giacomo Raspadori a mandare un segnale fortissimo alla piazza di Napoli. In campo, da titolare e con la numero 10: la serata dell’ex Sassuolo con l’azzurro dell’Italia è una serata magica, complice anche il suo super-gol che ha steso l’Inghilterra e regalato i tre punti alla formazione del CT Roberto Mancini.

Raspadori esulta
Raspadori esulta: il suo gol regala la vittoria all’Italia e stende l’Inghilterra (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Napoli, Raspadori incanta con l’Italia. E ora De Laurentiis è in delirio

“Mi sono più volte espresso sul valore e sulla qualità di questo ragazzo. Quando parliamo di Raspadori, parliamo di un calciatore che ha la cattiveria di Aguero e la gestione della palla come quella di Tevez. La gestione di un uomo che viene dalla strada, capace di portarsi dietro giocatori importantissimi prima di arrivare alla conclusione”. Una sentenza che Lele Adani, opinionista per ‘Rai Sport’, spara senza pensarci due volte e che racconta tutto l’entusiasmo per l’impatto di Raspadori in Nazionale.

Un impatto e una sentenza che sono come musica per le orecchie dei tifosi del Napoli. Ma anche e soprattutto per quelle di Aurelio De Laurentiis. Dopotutto, l’acquisto del giovane classe 2000 è stato fortemente voluto dal patron azzurro, che ha investito 35 milioni di euro per portarlo all’ombra del Vesuvio. Un investimento che già adesso sembra iniziare a donare i suoi frutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.