Liverpool, ululati razzisti per Osimhen: è successo durante la partita

Brutto episodio durante Liverpool-Napoli: Osimhen è stato più volte vittima di alcuni ululati razzisti lanciati dalla Kop.

La prima sconfitta della stagione, indolore in termini di classifica ma accolta dal Napoli comunque con dispiacere. Il ko di ieri ad Anfield, infatti, ha fatto evaporare il sogno di chiudere la fase a gironi  a quota 18 punti (impresa riuscita tra le italiane soltanto al Milan nella stagione 192/93) e regalare al tecnico Luciano Spalletti la prima vittoria nella terra d’Albione. Uno scivolone, come detto, destinato ad essere archiviato presto e che lascia in dono diversi segnali positivi.

Napoli, Osimhen in campo
Victor Osimhen è stato vittima di alcuni ululati razzisti (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

La squadra, nonostante l’ambiente ostile, si è espressa ad alto livello tenendo spesso le redini del gioco in mano. Al Liverpool, nel primo tempo, sono state lasciate soltanto le briciole: giusto un tiro piazzato di Thiago Alcantara, e poco altro. Alla fine, a fare la differenza, sono state le due reti arrivate da calcio piazzato firmate da Mohamed Salah e Darwin Nunez. Due situazioni su cui Alex Meret, con tutta probabilità, poteva fare di più.

Resta, in ogni caso, l’ottima prestazione fornita dalla maggior parte dei calciatori impiegati da Spalletti e, in particolar modo, da Tanguy Ndombele. Il francese, schierato titolare al posto di Piotr Zielinski, ha fatto valere la propria fisicità in mezzo al campo dimostrando di essere in grande crescita rispetto alle ultime settimane. Tra i meno brillanti Victor Osimhen protagonista, suo malgrado, di un episodio spiacevole.

Van Dijk e Osimhen a confronto con l'arbitro
Virgil van Dijk e Victor Osimhen discutono durante Liverpool-Napoli (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

Napoli, brutto episodio per Osimhen contro il Liverpool

Il nigeriano, stando a quanto riportato nell’edizione odierna de ‘La Repubblica’, è stato più volte vittima di alcuni ululati razzisti lanciati dalla Kop. Una situazione sgradevole per l’attaccante, autore di una prova in chiaroscuro anche a causa della marcatura asfissiante della retroguardia dei Reds. Un duello continuo che, di fatto, gli ha impedito di rendersi pericoloso ed impensierire Alisson Becker.

Una notte da dimenticare presto, anche perché all’orizzonte ci sono diversi altri match importanti. Sabato, ad esempio, è in programma la trasferta sul campo dell’Atalanta seconda. L’occasione giusta per rilanciarsi e provare la prima, vera fuga in campionato. Poi, il 7 novembre la concentrazione sarà rivolta al sorteggio degli ottavi di finale della Champions. Le rivali non fanno paura. Il Napoli può davvero sognare in grande. Mai come quest’anno tutti i trofei sono alla portata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.