Il Napoli vince a Bergamo, ma la bocciatura è totale: tifosi scatenati

Non tutto è andato nel verso giusto in Atalanta-Napoli, anzi c’è uno bocciato in maniera piuttosto unanime dai quotidiani, analizzando la sfida di Bergamo.

Come previsto la sfida di campionato contro l’Atalanta è stata per il Napoli una delle più fisiche di questa stagione. Il gioco di mister Gasperini si fonda molto sul pressing asfissiante di modo tale da impedire lo svolgimento della manovra avversaria. È necessaria tanta corsa, intelligenza tattica nel posizionamento ma anche superiorità fisica.

Mariani guarda un'azione al VAR
Arbitro Mariani, Atalanta-Napoli (LaPresse)

Da questo punto di vista non sorprende che l’arbitro Mariani sia stato messo a dura prova dai diversi episodi che si sono verificati, tra cui molti contrasti fisici oppure il rigore assegnato alla ‘Dea’ per un tocco di braccio di Osimhen in area di rigore.

Anche nel finale di gara c’è stato qualche momento di alta tensione, poiché l’Atalanta ha ritenuto che fossero stati scontati dei secondi nel recupero e quindi di riflesso non si è potuto approfittare fino in fondo delle opportunità che si sarebbero eventualmente presentate.

Gasperini e Spalletti si abbracciano
Gasperini e Spalletti, Atalanta-Napoli (LaPresse)

Atalanta-Napoli, bocciato l’arbitro Mariani: il motivo

‘La Gazzetta dello Sport’ ha dato 5,5 in pagella al direttore di gara proprio per come sono stati gestiti i minuti finali del match di Bergamo tra Atalanta e Napoli: “Proteste atalantine nel finale quando Mariani non concede un angolo per la Dea. Davanti alle insurrezioni dei nerazzurri alza due gialli”.

“Evita di dare il recupero…del recupero. Un minuto e mezzo in più sarebbe stato più consono per i cambi e per il resto”, sottolinea il quotidiano, appoggiando in qualche modo anche le dichiarazioni in merito di mister Gasperini. “Penso che nel finale l’arbitro ha perso un po’ la barra della partita. È stata molto bella e corretta da parte di entrambe le squadre. Poi nel recupero non so cosa sia successo”, ha infatti dichiarato il tecnico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.