Vlahovic non vuole crederci: vergognoso gesto durante Juve-Inter

Spiacevole episodio a margine del match tra Juve e Inter. A restare coinvolto è l’attaccante bianconero Dusan Vlahovic.

La Juve riesce ad ottenere i tre punti nel big match contro l’Inter. Il derby d’Italia si risolve con il successo bianconero grazie alla reti di Rabiot e di Fagioli.

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic bersagliato da insulti da parte dei tifosi ospiti dell’Inter (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

Allegri e i suoi possono sorridere. Per i bianconeri è la quarta vittoria consecutiva. Un risultato che significa non solo un qualcosa di positivo dal punto di vista del morale, cosa necessaria dopo l’uscita dalla Champions League e la retrocessione in Europa League, ma anche un importante passo in avanti in classifica.

Il soprasso in classifica proprio ai danni dell’Inter e l’aggancio in classifica alla Roma, sconfitta oggi nel derby, sono però state in parte appannate da uno spiacevole episodio accorso a Dusan Vlahovic nel prepartita. Il calciatore, non convocato a causa di un infortunio, ha però dovuto fare i conti con una brutta situazione prima del fischio iniziale.

Juventus gol Rabiot
L’esultanza della Juve dopo il vantaggio di Rabiot (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

Vlahovic bersagliato da insulti dal settore ospiti: tifosi dell’Inter nel mirino

Stando a quanto riporta Tuttosport poco prima dell’inizio del match tra Juve e Inter dal settore ospiti dell’Allianz Stadium sarebbero partiti alcuni cori razzisti. Il bersaglio sarebbe stato Dusan Vlahovic, in quel momento a bordo campo per assistere al match dei compagni contro i nerazzurri.

Come ricorda il quotidiano sportivo non è la prima volta che l’attaccante serbo ha dovuto fare i contri con l’ignoranza e l’inciviltà di alcune frange di tifosi. Già lo scorso anno, quando ancora vestiva la maglia della Fiorentina, fu protagonista involontario di un episodio simile a Bergamo. In quel caso il calciatore reagì in maniera anche più stizzita rispetto ad oggi, dove ha sostanzialmente lasciato cadere le provocazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.