“Era diventato un ingorgo…”: Napoli, frecciata durissima all’ex azzurro

Una frecciata all’ex giocatore del Napoli arrivata in diretta. Il tutto durante un’analisi su quanto accadeva in passato ala manovra azzurra. 

Aver riscritto il Napoli, partendo anche da quelle che sono state cessioni importanti, è di sicuro un merito che va dato a Cristiano Giuntoli. Il lavoro del direttore sportivo azzurro ha consegnato a Luciano Spalletti una squadra bene amalgamata. Una squadra grado di mettersi al servizio dell’allenatore, ma soprattutto in grado di sposare dei dettami tattici particolari. Cosi Spalletti ha trovato un gruppo di ragazzi disponibile, ma anche un gruppo di giovani talentuosi.

Luciano Spalletti pensieroso
“Era diventato un ingorgo…”: Napoli, frecciata durissima all’ex azzurro (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Soprattutto quelli che sono arrivati al primo anno in Italia. Basti pensare all’impatto avuto da Kvaratskhelia, o ancora Kim, Olivera, tutti elementi che si sono integrati in maniera attenta al loro primo anno con la maglia azzurra. Grande apporto da parte di questi giocatori anche in relazione a quello che il Napoli ha perso con gli addii di Mertens, Insigne, Koulibaly, tanto per fare alcuni nomi.

Lorenzo Insigne in azione
“Era diventato un ingorgo…”: Napoli, frecciata durissima all’ex azzurro (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Napoli, la frecciata ad Insigne arriva in diretta

Eppure, c’è chi ad oggi si guarda indietro e vede tante problematiche legate proprio ad alcuni elementi che hanno vestito la maglia del Napoli negli scorsi anni. Uno di questi, Lorenzo Insigne, già da qualche mese viene punzecchiato costantemente dai tifosi a distanza. Secondo alcuni di questi, infatti, quello di Kvara ad oggi sarebbe un lavoro tale da riuscire tranquillamente a far dimenticare quanto fatto dall’ex capitano.

Antonio Corbo, firma autorevole de ‘La Repubblica’, ha parlato ai microfoni di ‘Radio Marte’, parlando proprio di Lorenzo Insigne e lanciando una frecciata all’ex numero 24 azzurro: “Insigne era diventato un ingorgo, un ingorgo tattico per il Napoli, con i suoi movimenti. Se c’è Kvaratskhelia, il Napoli fa un gioco. Se c’è Elmas, invece, si crea di meno a sinistra ma si aprono quei varchi che Zielinski sa sfruttare benissimo”, le parole di Corbo.

“Il polacco non trovava sbocco da quel lato proprio perché c’era un esercizio un po’ involuto – ha detto ancora Corbo – nell’occupare quella fascia. Era costantemente presieduta da Ghoulam, che travolgeva tutto, e lo stesso Insigne, che condizionava la manovra“, ha spiegato il giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.