“Juve, successi irregolari?”: Gravina risponde severo al giornalista napoletano

Il terremoto in casa Juve ha acceso l’allarme in tutto il calcio italiano. Cosi il presidente Gabriele Gravina ha risposto sull’argomento.

Uno scossone che tiene banco in queste ore che è destinato inevitabilmente a far discutere. Le dimissioni dell’intero CdA della Juventus ha fatto scattare l’allarme all’interno di tutto il sistema calcio, con epicentro in quel di Torino. Da capire quelle che saranno anche le conseguenze di quello che sta accadendo sotto il punto di vista giudiziario, le indagini che vedono protagonista proprio la compagine bianconera e la situazione finanziaria che desta non poche preoccupazioni.

Gabriele Gravina e Andrea Agnelli
“Juve, successi irregolari?”: Gravina risponde severo al giornalista napoletano (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Il tutto ha portato, come detto, ad un dietrofront per certi versi anche clamoroso da parte di personaggi come Andrea Agnelli, Pavel Nedved e Maurizio Arrivabene. Il calcio italiano, nuovamente, è nell’occhio del ciclone ed anche i vertici sono preoccupati. Cosi il presidente Gabriele Gravina, presente all’evento ‘Calcio e Welfare’, ha risposto alle domande dei giornalisti presenti.

“Successi irregolari?”: Caos Juve, la risposta netta di Gravina

Ci sono dubbi sulla condizione attuale della Juventus, ed ovviamente su quello che sarà il futuro della Vecchia Signora. Il presidente della FIGC Gravina invita alla calma, soprattutto a chi chiede – durante l’evento ‘Calcio e Welfare‘ – se i successi recenti della squadra bianconera possano ritenersi addirittura irregolare. Gravina, in questo senso, non ha dubbi.

Questo è vox vostro, non è vox populi!”, dice il presidente della FIGC alla domanda posta da un giornalista presente tra quelli che sono a Napoli per l’evento. “Credo meriti un’altra forma di rispetto. Se vogliamo andare sul linciaggio di piazza non ci sono problemi, fate come volete!”, dice Gravina. “Stiamo un po’ cauti. Credo che quel tema potrebbe riguardare anche altri soggetti”, ha chiosato Gravina. Insomma, una situazione delicata sulla quale il calcio italiano dovrà porre grande attenzione da qui alle prossime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.