Juventus, prima il terremoto e poi la beffa: lo sfottò è durissimo

Per la Juventus di John Elkann, dopo lo scossone delle dimissioni dell’intero CdA, è arrivato uno sfottò che fa molto rumore.

La Juventus di Massimiliano Allegri si è ripresa ad allenare alla Continassa, ma l’attenzione di tutti è ovviamente rivolta all’indagine Prisma della Procura di Torino. I tifosi bianconeri, dopo le dimissioni dell’intero CdA di dieci giorni, temono che possano arrivare delle possibili sanzioni per la loro squadra del cuore sia a livello penale che sportivo. 

Elkann pensieroso
John Elkann. Sfotto ai dalle Juventus (LaPresse) ultimecalcionapoli.it

La ‘Vecchia Signora’, di fatto, deve rispondere a vari capi d’accusa: dal falso in bilancio, passando per l’aggiotaggio, ad aver ostacolato gli organi preposti alla vigilanza. A livello sportivo, invece, si attendono ulteriori aggiornamenti. Infatti, la Procura della FIGC ha aperto un’inchiesta sulle scritture private tra la Juventus ed i calciatori bianconeri per quanto riguarda la questione stipendi nei bilanci del 30 giugno 2020 e 30 giugno 2021. 

Per i tifosi della Juventus, viste le intercettazioni e le indiscrezioni che si stanno susseguendo in questi giorni, non è un periodo affatto facile, anzi. A peggiorare la situazione per i sostenitori della ‘Vecchia Signora’, è arrivato in queste ore un duro sfottò da parte di un massimo dirigente che sta facendo molto rumore. 

Al Khelaifi pensieroso
Dichiarazioni di Al-Khelaifi sulla Juventus (LaPresse) ultimecalcionapoli.it

Juventus, lo sfottò di Al-Khelaifi: “Superlega? La giocherebbo solo tre squadre”

Nasser Al-Khelaifi, infatti, si è soffermato di nuovo sul progetto voluto fortissimamente da Andrea Agnelli, ovvero la Superlega: “I fan del calcio non permetteranno mai la fondazione di una competizione come la Superlega. Nessuno parteciperebbe ad un trofeo del genere e nessuno andrebbe allo stadio per assistere alle partite”. 

Il presidente del PSG ha poi concluso il suo intervento: “Nessuno riuscirà ad organizzare una cosa del genere. Chi giocherebbe una competizione come per la Superlega? Solo Juventus, Inter, Barcellona. Sai che bel torneo con sole tre squadre”. Queste parole di Al-Khelaifi non faranno sicuramente piacere a John Elkann che, però, ha altre grane molto più importanti da risolvere.  Il dirigente d’azienda, intanto, ha messo due uomini di fiducia alla guida del club bianconero: Maurizio Scanavino (nuovo direttore generale) e Gianluca Ferrero (nuovo presidente della ‘Vecchia Signora’). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.