Napoli, veto di De Laurentiis: salta tutto

Il Napoli, in questi giorni, sta valutando la cessione di un calciatore. Il presidente De Laurentiis, però, ha posto il veto all’operazione.

La prima parte della stagione ha regalato soltanto gioie ai tifosi del Napoli. Primo posto in campionato a +8 dal Milan secondo e la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League da testa di serie. Tutto perfetto? Non proprio, perché all’interno di questo ottimo contesto ci sono comunque due casi che il tecnico Luciano Spalletti dovrà cercare di risolvere in maniera definitiva da gennaio in poi.

Napoli, De Laurentiis e Giuntoli riflettono
Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli hanno fatto saltare tutto: niente cessione (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Il primo, in particolare, riguarda Tanguy Ndombele. Il francese, preso dal Tottenham con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a 32 milioni, era giunto in città con l’obiettivo di diventare una colonna portante della squadra alla luce della sua esperienza in ambito europeo. La realtà, invece, si è rivelata ben differente: 18 apparizioni “condite” da appena un gol, un assist e tante prestazioni incolori.

L’allenatore, in questi giorni, ha iniziato quindi a valutare l’idea di rilanciarlo attraverso un cambio di ruolo: da mezzala a trequartista in un 4-2-3-1. La seconda spina, invece, ha come protagonista Diego Demme scivolato indietro nelle gerarchie del mister originario di Certaldo: tre presenze in Serie A, per un totale di 19 minuti trascorsi in campo. Un bottino esiguo, che ha spinto l’ex Lipsia a chiedere la cessione in modo tale da tornare protagonista altrove. L’addio, però, difficilmente si concretizzerà.

Demme in campo
Diego Demme difficilmente lascerà il Napoli a gennaio (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Napoli, De Laurentiis stoppa la cessione di Demme

Per lui si è fatto avanti la Salernitana, intenzionata a prenderlo a titolo temporaneo. Rimangono, però, ancora dei nodi da risolvere: l’entità della cifra da corrispondere al Napoli in caso di riscatto e lo stipendio del calciatore, eccessivo per le casse amaranto. I contatti proseguiranno ma la strada che porta verso la fumata bianca, in queste ore, è diventata ancora più in salita.

Il motivo è da ricercare nel fatto che il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis, in un occasione di un recente incontro, ha spiegato al regista italo-tedesco di non avere  intenzione di farlo partire. I partenopei, da gennaio in poi, saranno chiamati ad affrontare un gran numero di partite e per mantenere alto il livello qualitativo della manovra azzurra servirà il contributo di tutto. Compreso quello di Demme. Il Napoli punta ancora su di lui, resta da vedere quale sarà la risposta del diretto interessato.