“Inarrivabile…”: Napoli, c’è la sentenza. Messi ha già superato Diego?

L’Argentina ha vinto il Mondiale, regalando al Paese una gioia immensa che mancava dai tempi di Diego Armando Maradona: la sentenza su Messi.

L’Argentina ha vinto il terzo Mondiale della sua storia, cosa che non accadeva dai tempi di Diego Armando Maradona. L’emozione è stata enorme, specialmente per Lionel Messi che di questa nazionale è stato il capitano. A tal proposito, proprio su di lui, è arrivata un pensiero ben preciso.

Messi con la mano sul cuore Argentina
Lionel Messi, da capitano dell’Argentina e campione del mondo, dedica il suo cuore alla suo Paese (LaPresse) UltimeCalcioNapoli.it

Il Napoli e l’Argentina hanno vissuto il grande Diego Armando Maradona e nel suo ricordo continuano a vivere il presente e il futuro. L’Albiceleste è salita, insieme al suo capitando Lionel Messi, sul tetto del mondo e ha conquistato quella coppa che ha aspettato e sognato per tanto tempo.

Proprio Messi, allora, ne è diventato il simbolo, sulla scia e sull’eredità proprio di Maradona, che è stato anche suo CT. Da molti, allora, i due calciatori sono stati confrontati e, proprio in merito a questo discorso, ha detto la sua anche Massimo Taibi, dirigente sportivo della Reggina.

Bandiera di Maradona
La bandiera con l’immagine di Diego Armando Maradona che sventola nel cielo di Buenos Aires (LaPresse) UltimeCalcioNapoli,it

La sentenza sul dualismo tra Messi e Diego Armando Maradona non lascia dubbi: le parole di Taibi

Ai microfoni di ‘TV Play – Calciomercato.it’ è intervenuto il dirigente sportivo della Reggina, Massimo Taibi. Le sue parole hanno fatto innanzitutto riferimento al dualismo che negli ultimi anni ha interessato Diego Armando Maradona da un lato e Lionel Messi dall’altro. Ha perciò affermato: “Il calcio è bello perché è soggetto. Io credo che Maradona non sia avvicinabile praticamente da nessuno. Messi è un calciatore straordinario e strepitoso ma credo che di Maradona non ne avremo più nella storia. È inarrivabile“.

Poi più in generale ha parlato della vittoria del Mondiale da parte dell’Argentina e del suo portiere: “La parata di Martinez nei minuti finali di Argentina-Francia come posso commentarla? Una parata dall’alto valore tecnico, ma oltre il valore tecnico parliamo di una parata che ha un certo peso e una certa valenza. Quella parata ha consegnato la Coppa del Mondo all’Argentina. Avere un portiere del genere porta sicurezza alla squadra. Lui è stato bravo fino alla fine ad aspettare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.