Napoli nel caos, lite da non credere: la notizia lascia di sasso i tifosi

C’è molta tensione nel Napoli, visto che c’è stata anche una ‘piccola lite’ durante la presentazione della squadra a Dimaro.

Dopo Lorenzo Insigne, e molto probabilmente anche Dries Mertens, i tifosi del Napoli hanno visto andare via un altro giocatore che ha cambiato la storia della loro squadra del cuore. Kalidou Koulibaly, infatti, è diventato un giocatore del Chelsea, il quale ha speso ben 40 milioni di euro per acquisire le prestazioni del senegalese. 

De Laurentiis pensieroso
Aurelio De Laurentiis (LaPresse)

La cessione di Koulibaly è stata sicuramente un brutto shock per il Napoli che, però, si è messo subito all’opera per cercare di prendere un suo sostituto. Il nome più caldo in casa partenopea è sicuramente quello di Kim del Fenerbahce, ma bisogna battere la forte concorrenza del Rennes.

Il piano B al giocatore sudcoreano è rappresentato da Diallo del PSG, mentre l’ipotesi Acerbi è stata un attimo accantonata. Dopo la partenza di Kalidou Koulibaly, tra i tifosi del Napoli c’è molta incertezza per il futuro della squadra guidata da Luciano Spalletti. Senza il senegalese, infatti, il team campano ha perso molto sia a livello tecnico che a livello di personalità . Tutto questo timore della piazza partenopea è stata mostrata nel corso della presentazione della squadra a Dimaro

Spalletti dà indicazioni
Luciano Spalletti (LaPresse)

Napoli, piccolo diverbio tra Spalletti ed un tifoso a Dimaro: i dettagli

Il Napoli, infatti, ha presentato in serata la squadra ai tifosi presenti nel piccolo comune in provincia di Trento, ma c’è stata un piccolo diverbio prima che i calciatori salissero sul palco. Luciano Spalletti, di fatto, è stato più volte interrotto da un membro del pubblico mentre  cercava di parlare alla piazza. 

Il tecnico toscano si è  spazientito, invitando le persone presenti a zittire il tifoso che stava un po’ esagerando: “Fatelo stare zitto…”. Ritornata la calma, Spalletti ha rilasciato queste dichiarazioni: “Buona sera, mamma mia quanti siete! Giocatori come Ospina, Koulibaly, Mertens ed Ospina  sono andati via e portano con sé delle cose, ma sono arrivati anche altri giocatori con tanto entusiasmo. Dobbiamo stare uniti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.