“Leader? Forse invece…”: Napoli, Di Canio netto sugli ex

Il Napoli si conferma competitivo ad alti livelli nonostante gli addii di Insigne e Koulibaly, finiti nel mirino di Di Canio.

Sei punti, nove reti realizzate, appena due subite e un “clean sheet”. Bilancio fin qui ottimo per il Napoli, reduce dalle vittorie ottenute ai danni del Verona e del Monza. La rivoluzione portata avanti dalla società in questa finestra di mercato, tra addii eccellenti (compreso quello di Lorenzo Insigne) e nuovi acquisti, ha prodotto subito i risultati sperati. La squadra è rimasta competitiva ad alti livelli mentre il bilancio ha potuto respirare, grazie al taglio di vari ingaggi pesanti.

Insigne disperato
Lorenzo Insigne (LaPresse)

Ora l’attenzione è rivolta alla prossima sfida in programma domenica sul campo della Fiorentina ma intanto la tifoseria ha iniziato a sognare. Merito, soprattutto, dell’ottimo impatto avuto in Serie A da Khvicha Kvaratskhelia e Kim Min-jae. Il georgiano, preso dalla Dinamo Batumi per 10 milioni, ha impressionato tutti dimostrando di poter essere già determinante per le sorti azzurre (3 reti ed un assist nelle prime due partite).

Anche il difensore ex Fenerbahce (costato 20 milioni) si è ambientato immediatamente in Italia e ieri è persino riuscito a siglare la prima rete in campionato. Due elementi fortemente voluti dal presidente Aurelio De Laurentiis che, alla corte di Luciano Spalletti, sono andati a prendere il posto lasciato vacante da due totem quali Lorenzo Insigne e Kalidou Koulibaly. Proprio quest’ultimi sono finiti nel mirino di Paolo Di Canio.

Di Canio sorride
Paolo Di Canio (Ansa)

Napoli, Insigne e Koulibaly nel mirino di Di Canio

L’opinionista, nel corso della trasmissione ‘Sky Calcio Club’, ha attaccato i due giocatori (finiti rispettivamente al Toronto e al Chelsea) senza usare troppi giri di parole. “Si è parlato tanto dei leader dello spogliatoio andati via, a partire da Insigne e Koulibaly. Ma non è che quei leader erano leader verso un piattume? Avevano appiattito lo spogliatoio ormai”.

Giuseppe Bergomi, dal canto suo, ha voluto spendere parole al miele nei confronti di Kim. “Mi piace, ha grande fisicità, attenzione. Io ho fatto il difensore e quello forte è quello che prende sempre 6-6,5 sempre e mi sembra quel tipo lì”. Solo applausi, quindi, finora per il Napoli che a breve proverà a prendere pure Keylor Navas dal Paris Saint Germain. In alternativa, resta sempre in piedi l’opzione Kepa del Chelsea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.