Napoli, De Laurentiis gongola: il dato incorona gli azzurri

Oltre all’ottimo inizio di stagione da parte del suo Napoli, per Aurelio De Laurentiis c’è un altro dato molto importante.

Dopo la vittoria contro lo Spezia di Luca Gotti, il Napoli questa sera scenderà di nuovo in campo per sfidare i Glasgow Rangers per la seconda giornata della fase a gironi della Champions League. I partenopei, vista la vittoria del Liverpool di ieri contro l’Ajax, hanno l’occasione di portarsi in vetta al gruppo A .

De Laurentiis sorridente
Aurelio De Laurentiis (LaPresse)

Gli azzurri, infatti, hanno gli stessi punti dei ‘Reds’ e dei lancieri ma, ovviamente, con una gara in meno. Un successo del Napoli questa sera, quindi, potrebbe essere già determinante per il passaggio del turno, anche se gli scozzesi cercheranno sicuramente di strappare un successo davanti ai loro tifosi. 

In tanti non si aspettavano questo inizio di stagione da parte del Napoli, soprattutto se si considerando i tanti addii importanti che si sono susseguiti questa estate: da Lorenzo Insigne a Kalidou Koulibaly, passando per David Ospina e Ghoulam, a Mertens e Fabian Ruiz. Nonostante questa rivoluzione, Aurelio De Laurentiis può esultare sia per i risultati del gruppo guidato da Spalletti che per un dato specifico.

Luciano Spalletti esulta
Luciano Spalletti (Ansa Foto)

Napoli, il dato che fa felice De Laurentiis: nessun  partenopeo nella classifica dei 10 giocatori più pagati della Serie A

Come riportato dal portale ‘CalcioNapoli24’, infatti, nessun calciatore del Napoli è presente nella classifica dei dieci giocatori più pagati della Serie A. Questa speciale graduatoria è guidata da Rabiot con 9 milioni di euro netti percepiti a stagione. Il podio è poi formato da Lukaku e Pogba, che prendono entrambi 7,5 milioni di euro. 

Per il Napoli questa classifica rappresenta un’ulteriore dimostrazione del gran lavoro fatto questa estate. De Laurentiis e Giuntoli, infatti, hanno sì venduto giocatori importanti, tagliando così anche il monte ingaggi, ma sono riusciti anche a conservare alla squadra di Spalletti un’elevata competitività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.