“C’è un po’ di confusione”: accusa a sorpresa dopo Milan-Napoli

Milan-Napoli è stata una partita intensa e ricca di emozioni: oggi, però, è spuntata l’accusa a sorpresa nei confronti di una squadra.

Il risveglio, oggi, non poteva essere più dolce. Morale alle stalle, in casa Napoli, dopo la vittoria ottenuta in trasferta ai danni del Milan. Un successo che vale doppio: in primis perché ottenuto sul difficile campo di una diretta rivale per lo scudetto. I tre punti ottenuti, poi, consentono alla squadra di Luciano Spalletti di continuare ad occupare il primo posto della classifica (insieme all’Atalanta) a quota 17 e consolidare così le ambizioni di gloria.

Simeone segna la rete del vantaggio
Giovanni Simeone e Fikayo Tomori (LaPresse)

Gli azzurri, nel complesso, hanno fornito una prestazione di alto livello dimostrando di aver ormai metabolizzato i tanti addii avvenuti in estate. Tante le buone notizie per l’allenatore azzurro: i nuovi arrivati, come ad esempio Khvicha Kvaratskhelia e Kim Min-jae, si sono ambientati subito nella nuova realtà ed anche ieri sono riusciti a fornire un contributo concreto alla causa azzurra. Ottimo pure l’impatto di Giovanni Simeone, autore del gol che di fatto ha chiuso le ostilità.

Da segnalare, inoltre, la crescita di Matteo Politano nelle scorse settimane vicino all’addio (lo voleva il Valencia) ed oggi divenuto, a tutti gli effetti, il nuovo rigorista della squadra. Il pareggio dei padroni di casa firmato da Olivier Giroud avrebbe potuto cambiare il trend della partita: il Napoli, invece, è rimasto concentrato segnando nei minuti successivi la rete del definitivo sorpasso. Una vittoria, come detto, di fondamentale importanza nel percorso di crescita della formazione partenopea.

Politano segna su rigore
Matteo Politano (LaPresse)

Milan-Napoli, il commento di Sconcerti

I rossoneri si sono mossi bene in campo tuttavia, come sottolineato da Mario Sconcerti in un articolo pubblicato sul ‘Corriere dello Sport’, l’efficienza della retroguardia non è stata quella dei giorni migliori. “C’è un po’ di confusione nella difesa del Milan, sono meno presenti Kalulu e Tomori, Simeone ha fatto un gran gol, ma ha avuto il tempo di piazzarsi”.

Nel mirino del giornalista è finito anche Charles De Ketelaere, apparso poco concreto in fase di realizzazione: “È stato in partita ma non l’ha cambiata”. Solo elogi, invece, per il Napoli. “Una squadra matura, pronta, in confidenza con il primo posto”. La stagione è appena iniziata ma intanto gli azzurri, sia in Serie A che in Champions League, hanno già fatto la voce grossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.