“Solo Leao se la gioca con lui!”: Napoli, l’ex presidente non ha dubbi

L’ex presidente del Napoli Ferlaino ha incensato un nuovo acquisto del Napoli, spiegando che soltanto Leao può essere considerato al suo livello.

Il Napoli, in questa prima parte della stagione, è sembrato un rullo compressore. Capace di schiantare qualsiasi difesa affrontata, ad eccezione di quelle della Fiorentina e del Lecce (le uniche due squadre a fermare sul pari gli azzurri). Un ruolino di marcia da sogno, reso possibile non soltanto dal lavoro quotidiano svolto in campo dal tecnico Luciano Spalletti ma anche dalle scelte fatte dal club in sede di mercato.

Napoli, Leao se la gioca con Kvaratskhelia
Rafael Leao è l’unico al livello di Kvaratskhelia (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

La strategia di far partire big del calibro di Lorenzo Insigne, Dries Mertens, Fabian Ruiz e Kalidou Koulbaly e puntare su elementi poco conosciuti al grande pubblico si è rivelata fin da subito fruttuosa. Tutti i rinforzi si sono ambientati al meglio nella nuova realtà, fornendo contributi importanti alla causa azzurra. A prendersi la scena, in particolare, è stato Khvicha Kvaratskhelia diventato in poco tempo uno dei principali trascinatori della squadra.

Il georgiano, preso dalla Dinamo Batumi per soli 10 milioni, si imposto a suon di giocate: in 16 apparizioni complessive (considerando pure quella odierna contro il Sassuolo) ben 8 reti e 10 assist. Numeri da top player vero, che lo hanno fatto entrare nel cuore della tifoseria e finire nel mirino di altre squadre europee. Un talento che l’ex presidente del club Corrado Ferlaino ha voluto incensare, nel corso di un’intervista concessa al ‘Corriere dello Sport’.

Kvaratskhelia in campo
Khvicha Kvaratskhelia è diventato uno dei trascinatori del Napoli (LaPresse) Ultimecalcionapoli.it

Napoli, Ferlaino incensa Kvaratskhelia

Kvaratskhelia, secondo lui, già oggi può essere considerato uno dei calciatori più forti dell’intera Serie A. “Lui e Leao si contendono il titolo del numero uno sulla fascia sinistra. Non c’è una parola per definirlo. È come vincere al totocalcio”. Da qui i complimenti al Napoli per aver portato in Italia, a costi praticamente nulli rispetto a quelli sostenuti abitualmente dalle società di alto profilo, un talento pronto ma con ancora ampi margini di crescita.

“Il Napoli ha osservatori molto, molto bravi. A cominciare da Giuntoli. Sono riusciti a portarlo a casa per pochissimo”. I partenopei, sempre più in classifica, nel frattempo se lo godono e a breve avvieranno la trattativa per adeguare lo stipendio al suo reale valore. La Premier League ha iniziato a seguirlo con interesse ma il corteggiamento è destinato a non concretizzarsi. 

Impostazioni privacy